DSC_0689

Oggi, 24 ottobre, si festeggia il World Pasta Day, e per una ‘pastasciuttara’ (a Roma esiste questo termine. Credetemi.) come me, non potrebbe esserci notizia  migliore, perchè  mi sento autorizzata a mangiarne più  del solito! Gongolo! 😉

Ma è chiaro che non ne sono l’unica amante, ne in Italia, ne all’estero, infatti a quanto sembra l’anno scorso sono stati preparati 14 miliardi e 278 milioni di piatti di pasta in tutto il mondo, e secondo un’indagine Doxa il 44% degli italiani la consuma ogni giorno. Oltre ad essere semplicemente stra-buona, la pasta ha molte caratteristiche positive. Fa bene alla salute perchè i suoi carboidrati complessi a lento assorbimento evitano all’organismo repentini sbalzi glicemici donando un immediato senso di sazietà, e sono indicati per chi soffre di persone alta, inoltre non contiene colesterolo e, in quantità moderate e con condimenti adeguati, non fa ingrassare. Anche l’impatto ambientale per la sua produzione è estremamente ridotto, sembra infatti che l’emissione di CO2 lungo tutta la filiera produttiva sia inferiore al 15%.

Dopo tutte queste informazioni ‘simil-tecniche’,  voglio darvi il mio consiglio: mangiate la pasta semplicemente perchè è buona e vi mette il buon umore….non so voi, ma io quando sono davanti ad un piatto di carbonara, amatriciana o gricia ho un sorrisone a 64 denti!

Da buona romana pastasciuttara, per il #worldpastaday ho scelto di darvi la ricetta della pasta alla gricia, ma ovviamente rivisitata a modo mio, e cioè gricia sbagliata con zenzero e castagne.

tempo di preparazione: 30  minuti
tempo di cottura: 90 minuti
difficoltà: media
occorrente: due pentole, uno scolapasta, una padella antiaderente, un tagliere, un mortaio.

INGREDIENTI:

block notes

Spaghetti alla gricia sbagliata con zenzero e castagne. Ricetta e foto di Roberta Castrichella.

Spaghetti alla gricia sbagliata con zenzero e castagne. Ricetta e foto di Roberta Castrichella.

PREPARAZIONE:

  • Lessare le castagne in una pentola abbastanza grande. Fatele cuocere a fuoco medio per almeno 60 minuti. Appena sono morbide toglietele dal fuoco, sbucciatele e spellatele.
  • Mettete in cottura la pasta.
  • Tagliate a striscioline sottili il guanciale. Fatelo sudare lentamente in una padella con un filo d’olio. Quando il grasso si è sciolto toglietelo e mettetelo da parte. Nella stessa padella aggiungete un filo d’olio evo mezzo spicchio d’aglio pestato al mortaio e la stessa quantità di zenzero sempre pestato pestato. Lasciate insaporire due minuti, aggiungete le castagne sbriciolate e una pizzicata di sale e pepe e mezzo un filo di acqua bollente. Fate cuocere 3/4 minuti.
  • Allungate il pecorino con un cucchiaio circa di acqua di cottura fino a formare una crema.
  • A metà cottura scolate la pasta e terminate la cottura in padella risottandola e aggiungendo un cucchiaino raso di zenzero grattugiato. In ultimo togliete dal fuoco e aggiungete il guanciale, il pecorino romano e una macinata di pepe.
Spaghetti alla gricia sbagliata con zenzero e castagne. Ricetta e foto di Roberta Castrichella.

Spaghetti alla gricia sbagliata con zenzero e castagne. Ricetta e foto di Roberta Castrichella.

BUON APPETITO!

La ricetta è stata ideata, realizzata, descritta e fotografata da me!!! 🙂

firma