2tSXwbutmML-fl-19W3CoMPBYh-3rIT5_pyUDaEHpwQ,JHGgEjSQ9NdVI7q1EzlDaGgZVnoC9Boig_spqRob5EE,jS8QXMG3dgO-ahS5wwOL7mgY410sYLjtI7j_GcUi1AU

Settembre è un mese decisamente affascinante, ricco di contrasto. Ci si lascia alle spalle l’estate, il tempo libero, le vacanze vere, quelle lunghe, che ancora oggi spesso ci permettono di staccare la spina per qualche settimana.
Però… il sole ancora splende, caldo… e allora c’è ancora voglia di mare e degli ultimi bagni, rubati tra un impegno e l’altro, il tramonto che arriva, sempre più in fretta. In questa ricetta ho voluto dedicarmi ad uno dei protagonisti assoluti di questo mese: i fichi.
Rivisitando la gustosissima pizza prosciutto e fichi, vi propongo una versione risotto, la dolce cremosità del fico cotto su cui spicca il sapore forte del prosciutto crudo croccante: ecco Riso, Prosciutto & Fichi!

tempo di preparazione: 20 minuti (esclusa la preparazione del brodo)
tempo di cottura: 30 minuti
difficoltà: facile
occorrente: una padella antiaderente grande, una padella antiaderente media, una pentola grande, tagliere, coltelli da cucina, mestoli.
stagione: settembre

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

1,5 litri di brodo vegetale
280 grammi di riso carnaroli
700 grammi di fichi maturi
1 cipolla dorata
180 grammi di prosciutto crudo
olio extravergine d’oliva
pepe nero

krUmo6PfDVxcJCc5K-hw6RudQN6pOCD1qPLWc_hM_vE,wcL8-CzAAMHn55BAl90mvoayH0Gfcy9hAJ1Sn3PktYg,9aL8czB_RCcGzANMFIKGCctsTFzUK8Iv8t7tqBN-mGc

XpbYFYi1HzPXFnKsGiC0L11rEVZ6hjkBFVkgKysCRO0,CtoXOEFEGnvyjTumkArt2LMdkadeve2jHTdUwGbtYTI,7EAMdH7TXqGC2MRYYy-wzN7-KpHjN_nRlZdpEu9MfLQ

Piccola premessa sul brodo

La ricetta prevede l’utilizzo di un buon brodo vegetale. È un elemento da non sottovalutare dato che ha un ruolo abbastanza determinante nella realizazione di un buon risotto. Con un po’ di pazienza potrete scoprire come cambia l’effetto di un brodo togliendo o aggiungendo ingredienti, aroma, odore… in fondo è un po’ come tornare bambini quando, vi sarà capitato, avrete passato pomeriggi a intrugliare con l’acqua e gli ingredienti (commestibili o meno) più disparati. In questo caso si deve trattare di un brodo delicato che non copra i sapori in contrasto tra il dolce dei fichi e il salato del prosciutto crudo. In assenza di tempo (e di verdure e odori necessari), potrete affidarvi a un buon brodo pronto.

PREPARAZIONE:

  • Pulite i fichi, privandoli della pelle e tagliandoli a pezzettoni.
  • Per questa ricetta vi consiglio di procurarvi del prosciutto crudo in tranci, è abbastanza facile reperirlo nei normali supermercati, o comunque potete chiedere al banco salumi di fare delle fette un po’ più spesse. Tagliate una piccola parte del prosciutto (30-40 gr circa) molto finemente, la mettete nella padella media per qualche minuto per farla diventare croccante. Tagliate al coltello il resto del prosciutto ricavandone dei dadini.
  • Tritate finemente la cipolla, mettetela nella padella grande con un filo d’olio extravergine d’oliva e i dadini di prosciutto. Fate imbiondire la cipolla, dopodiché aggiungete il riso e, a fuoco vivace, lasciatelo tostare per pochi minuti.
  • Potete quindi unire al riso i pezzettoni di fichi, mescolare, per poi coprire il tutto con qualche mestolo di brodo vegetale. Ripetete l’operazione ogni volta che il riso avrà assorbito quasi completamente la parte liquida, fino ad ultimare la cottura.
  • Una volta impiattato il riso, coprite con il prosciutto croccante… ed è pronto!

    Caramellare i fichi – decorazione

    Una decorazione molto semplice da fare per questo piatto si ottiene con unateglia, della carta da forno e, ovviamente, un forno a 180°. Prendete due fichi(consiglio quelli un po’ meno maturi per evitare che si sciolgano completamente) e tagliateli in fettine sottili (2 mm circa). Adagiateli sulla carta da forno e metteteli in forno. In pochi minuti si saranno caramellati, leggermente croccanti, pronti per decorare il
    risotto.

gbSFZQonNEwMf_4-bNt3rz00p20b7XrhM16MJG4WXtk,xW0p3l_oOv_aaPCbSGoJdPSePElJZ_OTkK3moqaxB0g

BUON APPETITO!

La ricetta è stata ideata, realizzata, descritta e fotografata da Valerio Pellirossi, alias Carciofobia.

VALERIO