Carciofobia 21-3

Lo sapete, dopo la ricetta del Mojito Spigola ho iniziato la mia sfida personale ai “cocktail da mangiare” e il Moskow Mule era nel mio mirino per la seconda ricetta. Ma non c’è ragionamento che tenga in questo caso: ho avuto una folgorazione.

Ed ecco infatti che un pizzico di follia basta per trasformare un piatto semplice e famoso in un’eccentrica novità.Preparatevi quindi, perché lo so che in tante cucine l’olio per friggere è stato in prima linea durante le feste natalizie che, come da tradizione, sono un tripudio di cibo. Se non vedete l’ora di stupire i vostri commensali anche per il cenone di capodanno, questo antipasto è quello che fa per voi: filetti di baccalà in pastella al Moskow Mule.

In questo pitto tradizione e fantasia trovano un equilibrio particolare, accostando al sapore deciso del baccalà, l’aroma di una pastella insolita e la freschezza leggermente alcolica della spuma di cetriolo.

Ai fornelli!!!

tempo di preparazione: 30 minuti
tempo di cottura: 15 minuti
difficoltà: media
occorrente: wok, schiumarola, pinze da cucina, frullatore ad immersione con il suo bicchiere, carta assorbente, coltelli da cucina e tagliere, una ciotola grande, frusta.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
400 gr baccalà dissalato
2 cetrioli
1 lime
sale grosso
pepe nero
150 grammi farina
1 lattina ginger beer (33 cl)
Olio di semi di girasole
20 ml di vodka (1/3 di tazzina da caffè)

Carciofobia 21-1

PREPARAZIONE:
Prendete il baccalà e tagliatelo in pezzi della dimensione che preferite.

Lavate e private della buccia i cetrioli, tagliateli a dadini. Frullate il cetriolo aggiungendo il succo di un lime, la vodka e un pizzico di pepe macinato, fino ad ottenere una spuma leggera e soffice.

Setacciate 150 grammi di farina in una ciotola grande. Aggiungete lentamente la ginger beer, mentre sbattete il composto con la frusta. La ginger beer dovrà essere ben fredda, meglio se l’avete lasciata qualche minuto in freezer prima di preparare la pastella.

Passate i filetti nella pastella e poi friggeteli nel wok, girandoli su entrambe i lati con l’aiuto di pinze da cucina e schiumarola. L’olio dovrà essere abbondante e ben caldo.

Una volta lasciati riposare per qualche minuto su carta assorbente, potrete procedere alla composizione del piatto.

Io ho fatto un leggero strato di spuma sulla base di un piatto fondo, su cui ho poi adagiato i filetti di baccalà fritti, aggiungendo alla fine un pizzico di sale grosso.

Solo a scrivere mi è tornata la fame! Buon fritto!

ccc

c

BUON APPETITO!

La ricetta è stata ideata, realizzata, descritta e fotografata da Valerio Pellirossi, alias Carciofobia.

VALERIO