Musica e cibo sono sempre un’accoppiata vincente, se poi si parla di un festival Jazz allora ‘è tutta un’altra musica’.

Si è concluso ieri  il ‘Nave de Vero in Jazz’ giunto alla sua terza edizione, che con le sue note eleganti e raffinate ha colorato le tiepide serate estive di luglio. Cinque appuntamenti con alcuni dei più grandi nomi del jazz nazionale e internazionale che ogni venerdì del mese, hanno trasformato Nave de Vero nel più grande jazz club del Veneto. A trasmettere tutta la magia della musica jazz al pubblico, le note di  Gino Vannelli, The New York Voices, Hiromi- The trio Project, Karima e Dado Moroni Trio Lifetime e Tomatito. Cinque nomi importanti, cinque stili diversi, tutti accomunati dall’affascinante linea melodica che contraddistingue questo genere. Cinque serate ideate e realizzate per gli appassionati del genere, ma, con la formula dell’ingresso libero, anche per avvicinare tutti gli amanti o i curiosi che hanno il desiderio di scoprire questa musica cosi ammaliante.

Non solo la musica di qualità è stata il punto di forza del Nave de Vero in Jazz. A completare la già esaustiva offerta musicale, c’è stato il connubio (sempre) vincente con il cibo.
Durante tutte le serate del festival per il pubblico c’è stata la possibilità di assistere al proprio show preferito cenando comodamente seduti al tavolo di uno dei tanti ristoranti presenti all’interno della location. Grazie ad una semplice prenotazione da effettuare telefonicamente oppure on line, era possibile scegliere la proposta più adatta per i propri gusti, tra le tante realtà ristorative di Nave de Vero.
Don Peppe per gli amanti della cultura culinaria partenopea che offre un ambiente nel quale respirare un’atmosfera familiare e degustare i migliori prodotti della gastronomia campana. Ricette tradizionali a base di pesce o carne o la pizza preparata con lievitazione naturale e cotta nel forno alimentato a legna.
Porto Bianco per chi invece preferisce assaggiare sapori diversi e originali grazie alla scelta delle tapas gourmet, la carne cotta alla griglia e una cena in puro american style negli ambenti di Old Wilde West oppure i tipici sapori italiani di Romeo. Una scelta ampia capace di accontentare tutti i gusti, e perfetta per arricchire un evento di per già perfetto.

Una terza edizione che conferma e supera il grande successo già ottenuto nelle prime due. Un evento ricco di musica eccellente capace di attrarre un pubblico vasto e di avvicinarlo alle dolci melodie di un genere di musica forse ancora troppo poco conosciuto. Non rimane che aspettare la prossima edizione…..

DSC_0548