Stringozzi con crema di carciofi e guanciale croccante basilico e scorza di limone

Stringozzi acqua e farina

Stringozzi acqua e farina con crema di carciofi e guanciale croccante, il primo piatto perfetto per il pranzo di Pasqua.
Di quei piatti che sanno di casa, di buono, di tradizione.
Di quei piatti che piace mangiare tanto a me durante le festività. Si, perchè a me, durante le feste piace la tradizione, e questa pasta acqua e farina a casa mia è una tradizione.

Ma la domanda sorge spontanea. Anzi, LE domande sorgono spontanee.
‘Cosa sono gli stringozzi?’ e soprattutto, ‘come si preparano gli stringozzi’?

Gli stringozzi sono una pasta acqua e farina, originaria dell’Umbria, ma molto diffusa anche nel Lazio. Sulla loro origine e sul loro nome, in realtà si potrebbe parlare per ore, poichè questa pasta viene chiamata in diversi modi, e, essendo una tipica ricetta ‘delle nonne’, ogni famiglia ha la sua versione e il suo modo di preparazione.

Io oggi però voglio raccontarvi della versione di mia nonna, colei che mi ha insegnato a farli. Mia nonna era originaria di San Martino al Cimino, in provincia di Viterbo, e lì, si preparano due versioni di questa pasta acqua e farina, che differiscono per le modalità di preparazione: ci sono gli stringozzi che vengono tagliati al coltello (come trovate scritto nel procedimento), e i lombrichelli che vengono invece ottenuti facendo rotolare l’impasto sulla spianatoia fino ad ottenere una sorta di spaghetto fatto a mano. L’impasto però è lo stesso.

E adesso siete pronti a mettervi alla prova e cimentarvi nella preparazione di questi stringozzi acqua e farina con crema di carciofi?! Sono perfetti per il pranzo di Pasqua, e se cercate altre ricette pasquali per completare il menu le trovate qui.

Se invece cercate altre ricette con i carciofi cliccate qui.

tempo di preparazione: 60 minuti + 30 di riposo
tempo di cottura: 40 minuti
occorrente: una spianatoia, un mattarello, un frullatore, un setaccio a maglia fine, una pentola grande, un tegame antiaderente medio
difficoltà: difficile
stagione: primavera

INGREDIENTI X 4:

Per la pasta:

  • 400 g di farina 00
  • 240 g di acqua

Per il condimento:

  • 500 g di carciofi puliti taglia a spicchi
  • 6 foglie di basilico
  • 1limone biologico
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 fette di guanciale tagliate a striscioline 
  • olio evo, sale, pepe nero q.b.
Stringozzi acqua e farina

PREPARAZIONE:

Preparazione pasta:

  • Impastate l’acqua con la farina fino ad ottenere un impasto morbido e liscio. Coprite con la pellicola e fate riposare 30 minuti in frigo. 
  • Trascorso il tempo di riposo, stendete con il mattarello la pasta spessa 5 mm circa.
  • Tagliatela la sfoglia ottenuta in 4 strisce alte circa 8 cm, poi sovrapponetele mettendo abbondante farina tra l’una e l’altra. Con un coltello tagliate gli stringozzi larghi circa mezzo cm, poi stendeteli su di un piano e infarinateli bene per non farli incollare tra di loro.
  • Per vedere la preparazione clicca qui.

Preparazione condimento:

  • Scaldate 4 cucchiai di olio con l’aglio in camicia. Unite i carciofi e lasciate cuocere aggiungendo 1 bicchiere di acqua bollente fin quando saranno morbidi. Regolate di sale e pepe.  
  • Togliete 4 cucchiai carciofi e frullate i restanti con il basilico e un filo di olio evo, fin quando avrete una crema liscia. Se necessario aggiungete dell’acqua bollente.
  • Passate la crema di carciofi in un setaccio a maglia fine. 
  • Fate rosolare il guanciale in una padella antiaderente. 
  • Cuocetele la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela e unitela alla crema di carciofi, poi fate saltare gli stringozzi in padella in modo che si amalgamino bene al condimento. Aggiungete poi il guanciale croccante lasciandone da parte qualche pezzetto per decorare, e girate ancora.
  • Impiattate e terminate con un grattata di scorza di limone. Aggiungete il guanciale lasciato da parte, un filo d’olio e servite.
Stringozzi acqua e farina
Stringozzi acqua e farina

BUON APPETITO!

La ricetta è stata ideata, realizzata, descritta e fotografata da me.

ps: se provate una mia ricetta, ricordatevi (se ne avete voglia) di condividere la foto su instagramfacebook o twitter, taggandomi o usando gli hashtag #robysushi e #lericettedirobysushi.